Navigation

Costa Concordia: mini-robot esplorerà aree inaccessibili

Questo contenuto è stato pubblicato il 11 marzo 2012 - 20:43
(Keystone-ATS)

Nei prossimi giorni l'esplorazione all'interno della Costa Concordia sarà affidate ad un piccolo robot telecomandato, il Rov (Remote Operator Vehicle). Lo rende noto la struttura del Commissario straordinario per l'emergenza Franco Gabrielli in una nota. Oggi i palombari della Marina Militare si sono immersi per le operazioni propedeutiche all'utilizzo del robot che permetterà di esplorare zone e ambienti inaccessibili.

Sempre sospese a causa delle condizioni meteo le operazioni di defueling dei serbatoi ancora non svuotati. Oggi sul Giglio persistevano forti venti da nord-nord est e non è stato possibile movimentare il pontone 'Meloria', che fa da supporto all'attività di svuotamento del carburante.

Inoltre, dal monitoraggio quotidiano dei sensori che registrano i movimenti dello scafo non risultano anomalie nè rispetto ad eventuali movimenti della nave, che sono monitorati dagli esperti del Dipartimento di Scienze della Terra dell'Università di Firenze, nè circa i rilevamenti ambientali assicurati da Ispra e Arpat.

Infine, all'Isola del Giglio ha preso il via oggi la quarta edizione del corso per volontari di protezione civile: solitamente è dedicato a tecnici del Comune e delle altre amministrazioni pubbliche ma questa volta vi hanno partecipato semplici cittadini dell'isola e aderenti ad associazioni ambientaliste.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?