Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Dopo una prima giornata di protesta in Ticino, circa 3000 lavoratori edili hanno oggi incrociato le braccia nella Svizzera tedesca, secondo le stime di Syna e Unia. Domani l'agitazione si sposterà nella Svizzera romanda.

Su invito dei due sindacati, oltre 100 cantieri sono rimasti fermi oggi a Zurigo e nel suo agglomerato: almeno 2000 salariati hanno partecipato alla manifestazione zurighese in difesa del pensionamento a 60 anni, contro il dumping salariale e per una migliore protezione in caso di intemperie. Azioni analoghe hanno avuto luogo anche a Berna, Basilea e nella Svizzera centrale: complessivamente circa 3000 salariati del settore della costruzioni si sono astenuti dal lavoro, secondo Unia.

L'agitazione, che ieri ha riunito 3000 persone a Bellinzona, si sposterà domani in Romandia. "Tutti i cantieri saranno chiusi a Ginevra e a Neuchâtel", ha precisato all'ats Lucas Dubuis, portavoce di Unia.

Nel ramo è in atto un braccio di ferro fra i rappresentanti dei lavoratori e la Società svizzera degli impresari costruttori (SSIC). Questa organizzazione vorrebbe prorogare l'attuale contratto nazionale mantello (CNM) per l'edilizia principale, che scade a fine anno. Unia e Syna auspicano per contro l'avvio di nuovi negoziati.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS