Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Quest'anno i lavoratori attivi sui cantieri possono contare su una paga di 6000 franchi al mese in media, lo 0,2% in più rispetto all'anno scorso: è quanto emerge dall'ultima inchiesta salariale della Società Svizzera degli impresari costruttori (SSIC).

Tenuto conto dell'atteso rincaro negativo dell'1% la crescita reale delle retribuzioni dovrebbe essere superiore al punto percentuale, sottolineano i datori di lavoro.

Nel dettaglio, il compenso medio dei capi muratori ammonta a 7719, mentre gli altri dipendenti che sottostanno al contratto nazionale mantello (CNM) vedono in busta paga 5762 franchi. Sono garantiti la 13esima mensilità nonché il pensionamento anticipato, possibile a partire dai 60 anni.

Il salario minimo è di 5500 franchi per la manodopera qualificata con certificato professionale e di 4500 per i lavoratori senza formazione. Sempre stando ai dati diffusi dalla SSIC dal 2008 il potere d'acquisto misurato sulla base del salario medio CNM è progredito del 7,8%, un incremento che sale al 9,0% per i capi muratori.

Aumenta intanto la presenza di personale svizzero sui cantieri. Nel 2015 la quota dei cittadini elvetici era ancora solo del 37%, 2 punti in più rispetto all'anno precedente. Tuttavia a lungo termine la percentuale dovrebbe salire: infatti nella classe dei 20-29enni la quota di svizzeri raggiunge il 60%.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS