Navigation

Covid: Sardegna bianca, stretta sulle seconde case

La Sardegna cerca di difendere la sua eccellente situazione Covid dall'assalto alle seconde case. Immagine d'archivio. KEYSTONE/EPA/MATTEO CORNER sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 18 marzo 2021 - 07:24
(Keystone-ATS)

La Sardegna, unica Regione italiana in zona bianca, ha scelto la linea dura: i proprietari di seconde case possono entrare solo per comprovate esigenze lavorative o motivi di salute, sempre presentando la certificazione di vaccinazione o di negatività al tampone.

L'ordinanza adottata dal presidente Christian Solinas, valida da oggi al 6 aprile, è sulla scia di quelle della Valle d'Aosta e dell'Alto Adige che da subito avevano emanato un provvedimento restrittivo rispetto al decreto del Governo di Roma. Sino all'ultimo la Regione era pronta per un'ordinanza che si limitava a inasprire i controlli agli arrivi.

L'ordinanza di Solinas inasprisce comunque i controlli agli arrivi e prevede dei filtri fin dall'imbarco. Come? I vettori e gli armatori acquisiscono dai passeggeri l'avvenuta registrazione sulla app Sardegna Sicura ma anche la documentazione che attesti i motivi per cui si viaggia e il possesso dei requisiti previsti dal decreto del 2 marzo 2021 per gli spostamenti dalle Regioni di provenienza. In assenza sarà vietato l'imbarco.

Il presidente ha deciso di coinvolgere il corpo forestale a supporto del personale sanitario nelle attività di monitoraggio e controllo delle certificazioni di avvenuta vaccinazione e di sottoposizione al tampone molecolare o antigenico. Un ruolo è assegnato anche ai sindaci che, in qualità di autorità di protezione civile e sanitaria, vigilano sul rispetto dell'ordinanza sui test obbligatori, monitorando il rispetto della permanenza domiciliare nei centri abitati, attraverso la Polizia locale e le Compagnie barracellari. Il Corpo forestale farà la stessa cosa ma nelle aree rurali e costiere.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.