Navigation

Covid-19: media, situazione drammatica, urgente sostegno statale

Nonostante il consumo di notizie sia in forte crescita, i media stanno attraversando una situazione difficile a livello finanziario. KEYSTONE/DPA-Zentralbild/JENS KALAENE sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 23 aprile 2020 - 18:17
(Keystone-ATS)

Il blocco delle attività produttive dovuto al coronavirus e il conseguente crollo della entrate pubblicitarie hanno posto i media in un situazione drammatica.

Per garantire la sopravvivenza di giornali, radio e tivù, la Commissione delle telecomunicazioni del Consiglio degli Stati (CTT-S) chiede un aiuto transitorio della Confederazione di oltre 60 milioni di franchi.

Stando a una nota odierna dei servizi parlamentari, con il crollo degli introiti pubblicitari tra il 60 e il 95% a seguito della crisi del coronavirus, la già difficile situazione economica dei media è divenuta drammatica. E ciò proprio in questa fase la domanda di offerte mediatiche è quanto mai forte.

Una prima mozione approvata a larga maggioranza chiede al Consiglio federale di adottare provvedimenti immediati sotto forma di una soluzione transitoria: concretamente si tratta innanzitutto sostenere l'Agenzia telegrafica svizzera (Keystone-ATS) affinché sia in grado di diffondere gratuitamente ai suoi abbonati nelle tre lingue i suoi testi del servizio di base.

La mozione prevede inoltre lo stanziamento dei mezzi necessari per l'invio gratuito dei giornali regionali e locali da parte della Posta (circa 25 milioni di franchi) e una riduzione del prezzo per il recapito degli altri quotidiani (10 milioni).

La seconda mozione, approvata all'unanimità, chiede che le emittenti radiotelevisive locali e regionali siano sostenute con 30 milioni in più rispetto al 2019. Questo aiuto d'emergenza può essere erogato attingendo alla riserva di fluttuazione del canone radiotelevisivo già presente.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.