Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Luce verde alla via tracciata dal Consiglio federale (CF) per rilanciare i negoziati bilaterali con l'Unione europea: la Commissione della politica estera (CPE) del Consiglio degli Stati ha deciso oggi, con 10 voti e due astensioni, di approvare senza modifiche la bozza di mandato negoziale relativo alle questioni istituzionali del governo.

"Sul 'se sostenere questo mandato negoziale' non ci sono state obiezioni, solo sul 'come' abbiamo evidenziato una serie di sfumature che dovranno essere approfondite", ha detto alla stampa il consigliere agli Stati Hannes Germann (UDC/SH), presidente della CPE.

L'esito del voto non significa che i piani del governo non siano stati discussi approfonditamente in commissione e che non vi siano stati pareri divergenti, ha precisato Germann.

Al termine il voto ha avuto un esito molto chiaro anche per motivi strategici: la CPE ha privilegiato un approccio che rafforza la posizione del governo in vista dei negoziati, ha aggiunto Germann.

L'analoga commissione del Consiglio del Nazionale deve ancora esprimersi in materia.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS