Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

CPH Chemie + Papier Holding migliora la redditività, pur rimanendo nelle cifre rosse: il fabbricante di prodotti chimici, carta e imballaggi ha registrato nel 2016 una perdita netta di 7,7 milioni, inferiore a quella di 33,1 milioni fatta segnare l'anno precedente.

CPH vuole rendersi indipendente dal franco forte e rafforza quindi la sua presenza in Asia, si legge in un comunicato odierno. Di conseguenza l'anno scorso è stato caratterizzato dall'espansione in questo continente e dal nuovo riposizionamento del settore chimico.

A livello operativo l'azienda è già tornata in zona utili, con un EBIT passato da -21,8 a +5,9 milioni di franchi. L'EBITDA è addirittura triplicato rispetto all'anno prima attestandosi a 36,9 milioni. Il fatturato da parte sua è salito del 3,5% a 434,8 milioni.

Il gruppo ha puntato in particolare sull'ancora piccolo settore di prodotti chimici, che nel 2016 ha raggiunto un volume d'affari di 69,3 milioni di franchi (+10,9%). A contribuire alla crescita sono state soprattutto le nuove sedi di produzione in Cina e Bosnia-Erzegovina. Questo nuovo orientamento sarà concluso nell'anno in corso, ha detto il CEO Peter Schildknecht, citato nella nota.

Per il 2017, Schildknecht si aspetta una crescita ancora positiva, seppure lieve.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS