Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un caccia F/A-18D (biposto) delle Forze aeree svizzere è precipitato poco prima delle 14.00 presso Alpnachstad, nel canton Obvaldo. Ancora nessuna notizia sulla sorte dei due piloti a bordo. La scatola nera non è ancora stata ritrovata.

L'aereo da combattimento si è schiantato in una zona impervia del Lopper, montagna al confine tra i cantoni di Obvaldo e Nidvaldo che si affaccia sul Lago dei Quattro Cantoni. Sul posto sono accorsi numerosi pompieri e ambulanze, così come la Rega. Un Super-Puma è stato impiegato per spegnere l'incendio. Sul lago è inoltre stato allestito uno sbarramento galleggiante per evitare eventuali danni ambientali.

"La situazione sul posto lascia temere il peggio", ha dichiarato nel pomeriggio il capo dell'esercito svizzero André Blattmann in una conferenza stampa all'aerodromo di Alpnach. "Non possiamo essere fiduciosi", ha affermato Aldo C. Schellenberg, comandante delle Forze aeree. "Si tratta di un giorno nero per l'esercito e per l'Aeronautica militare". L'identità dei due piloti non è stata resa nota; dapprima si vogliono informare i famigliari.

Finora si sa poco di cosa sia successo: l'F/A-18 precipitato era impegnato in un'esercitazione con un secondo jet dello stesso tipo, ma monoposto. Le condizioni meteorologiche permettevano di svolgere la missione, ha detto Schellenberg. Stando a MeteoSvizzera al momento dell'incidente nella zona il tempo era molto nuvoloso con lieve pioggia.

Ad essere certo è solo il fatto che entrambi gli aerei, partiti alle 13.35 da Meiringen (BE), volavano dalla regione del Brünig (OW/BE) verso la Svizzera centrale, ha proseguito Schellenberg. Ad Alpnach hanno iniziato un'inversione di rotta.

Nella zona dello schianto il pilota del monoposto ha effettuato una manovra d'emergenza: in una curva a 180 gradi è passato al volo strumentale, ha interrotto la virata e ha rapidamente preso quota, ha spiegato Schellenberg. Quindi è rientrato a Meiringen.

"Si tratta di una manovra sperimentata e normale, che si può svolgere in cattive condizioni meteorologiche", ha indicato il pilota di F/A-18 Pierre de Goumoëns. Non è per il momento chiaro se la manovra, denominata "emergency climbout" sia stata adottata per motivi di esercitazione o per una vera emergenza. Il velivolo non ha subito danni.

Non è ancora noto come fosse la visibilità al momento dell'incidente né se gli occupanti dell'aereo precipitato abbiano attivato i seggiolini eiettabili. Il cacciabombardiere non ha lanciato alcun segnale d'allarme.

Nel frattempo la giustizia militare ha aperto un'inchiesta. Ci potrebbero però volere settimane o addirittura mesi per chiarire cosa sia successo, ha spiegato il portavoce della giustizia militare Tobias Kühne. Domani dovrebbero essere disponibili le prime informazioni.

L'incidente si è verificato poco sopra la linea ferroviaria del Brünig (Lucerna-Interlaken BE) della Zentralbahn. Essa rimarrà chiusa fino ad almeno domani a mezzogiorno tra Hergiswil (NW) e Alpnach Dorf (OW). Anche la vicina strada cantonale è chiusa al traffico fino a domani alle 18.00 in entrambe le direzioni tra Stansstad (NW) e Alpnachstad.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS