Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il diritto internazionale umanitario (DIU) viene violato troppo spesso.

Coscienti di questo problema, la maggior parte dei Paesi si è dichiarata favorevole all'istituzione di una conferenza di Stati sul diritto internazionale umanitario organizzata a cadenza regolare, che esamini per esempio l'applicazione delle Convenzioni di Ginevra.

Il consigliere federale Didier Burkhalter e il presidente del Comitato internazionale della Croce Rossa (CICR) Peter Maurer hanno aperto oggi la quarta e ultima riunione di Stati sul rafforzamento del rispetto del DIU.

"Oggi i bisogni umanitari sono immensi, non sono mai stati così elevati dalla fine della Seconda guerra mondiale", ha sottolineato il capo del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) oggi a Ginevra. Oltre 50 milioni di persone sono rifugiati o sfollati interni.

Durante consultazioni intraprese dalla Svizzera e dal CICR a partire dal 2012, i governi hanno riconosciuto che i meccanismi che servono a far rispettare il DIU sono insufficienti. Burkhalter ha denunciato "le ripetute violazioni delle norme esistenti" e ricordato che gli Stati hanno la responsabilità di rispettare e far rispettare le Convenzioni di Ginevra.

A differenza di altre convenzioni, queste soffrono di "una lacuna istituzionale" poiché non prevedono delle conferenze regolari per esaminare la messa in atto degli impegni presi.

È tempo di rimediare, ha affermato il capo del DFAE. "Bisogna rafforzare l'importanza e la visibilità del diritto umanitario e incitare gli Stati a discutere, in maniera regolare, della sua applicazione", ha spiegato.

Il DIU punta a limitare gli effetti dei conflitti armati, proibendo, tra l'altro, i trattamenti inumani dei prigionieri e gli attacchi alla popolazione civile. Esso contiene inoltre regole per l'accesso all'aiuto umanitario.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS