Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Tidjane Thiam

KEYSTONE/ENNIO LEANZA

(sda-ats)

Credit Suisse è oggi "più sicura che mai": lo sostiene il presidente della direzione Tidjane Thiam, che invita nel contempo gli azionisti ad avere pazienza. L'istituto sta facendo progressi nel suo processo di trasformazione, afferma il manager 53enne.

"Il corso dell'azione non deve essere confuso con la sicurezza della banca e con la solidità del bilancio", afferma Thiam in un'intervista pubblicata oggi dalla NZZ am Sonntag. L'istituto non persegue una politica di breve termine atta a influenzare il titolo - che dall'entrata in funzione del CEO un anno fa ha perso quasi il 60% del suo valore - ma punta al contrario a una strategia di lungo periodo, che darà un valore aggiunto agli azionisti. "Il corso dell'azione si muoverà quando forniremo dei risultati e quando la nostra strategia darà buona prova di sé", si dice convinto Thiam.

Secondo il dirigente franco-ivoriano il calo del titolo - sceso questa settimana temporaneamente sotto i 10 franchi - è anche dovuto agli speculatori: questo tipo di investitori si attivano quando un'azienda è in fase di ristrutturazione e scommettono su un arretramento dell'azione, in quanto molte riorganizzazioni falliscono.

Per Thiam gli azionisti devono mostrare pazienza: finora è trascorso solo uno dei dodici trimestri previsti per la ristrutturazione dell'istituto. I frutti degli interventi si vedranno insomma più tardi.

Thiam dice di non aver trovato una situazione facile al suo arrivo. "Alla fine di settembre del 2015 avevamo maggiori rischi rispetto ad altre banche europee, ma significativamente meno capitale proprio". Da allora il capitale è stato aumentato e i rischi sono stati ridotti. Sono stati compiuti progressi in vari campi, ad esempio con una riduzione dei costi.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS