Navigation

Credit Suisse conferma pedinamento Peter Goerke

Credit Suisse ha ammesso il pedinamento dell'ex capo del personale Peter Goerke (foto d'archivio) KEYSTONE/AP/STS CGR AK FO**BRL** SEP**NY** sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 23 dicembre 2019 - 09:35
(Keystone-ATS)

Credit Suisse ha fatto sorvegliare l'ex capo del personale Peter Goerke. È la conclusione a cui è giunta una seconda inchiesta dello studio legale Homburger.

Il numero due bancario elvetico ha tuttavia assicurato che né il suo CEO Tidjane Thiam, né il presidente del consiglio di amministrazione Urs Rohner erano a conoscenza dei pedinamenti.

Goerke, all'epoca membro della direzione del gruppo, è stato sorvegliato per alcuni giorni nel febbraio 2019 da una società terza per conto di Credit Suisse, scrive quest'ultima in una nota odierna.

Il rapporto ha inoltre stabilito che a commissionare il pedinamento - effettuato tramite un intermediario - è stato il direttore operativo (COO) Pierre-Olivier Bouées, già implicato nella vicenda della sorveglianza del top manager Iqbal Khan. Il membro della direzione, che aveva annunciato il suo addio dall'istituto a inizio ottobre, è stato ora licenziato dalla banca con effetto immediato.

"Il pedinamento, ora confermato, di Peter Goerke è imperdonabile. Pesa molto anche il fatto che i responsabili non abbiano fornito informazioni veritiere nell'indagine esterna del settembre 2019. Inoltre, nell'organizzare la sorveglianza di quest'ultimo, hanno fatto attenzione a non lasciare alcuna traccia identificabile nei sistemi della banca. Siamo consapevoli che il pedinamento di Khan e Goerke ha danneggiato la reputazione della nostra azienda", scrive Credit Suisse, aggiungendo che il cda si è scusato con il suo ex capo del personale.

Il numero due bancario elvetico, viene sottolineato, continuerà a collaborare a stretto contatto con la FINMA e ora anche con il revisore indipendente nominato proprio dall'Autorità di vigilanza sui mercati finanziari.

Il pedinamento di Goerke

Dopo il polverone sollevato dallo scorso settembre in seguito al caso del pedinamento di Iqbal Khan - ex responsabile della gestione patrimoniale passato poi a UBS - Credit Suisse è finita nuovamente nell'occhio del ciclone. La sorveglianza di Goerke è stata rivelata lo scorso martedì dalla Neue Zürcher Zeitung, che ha pubblicato la prima parte di un'inchiesta in tre capitoli su Khan.

Sulla base di vari documenti il quotidiano zurighese sostiene che Goerke sia stato osservato per tre giorni, dal 20 al 22 febbraio 2019. L'ex capo del personale era stato seguito mentre si recava all'aeroporto di Zurigo per un volo in direzione dell'Inghilterra. Solo quattro giorni dopo Credit Suisse aveva annunciato che il dirigente lasciava la direzione generale per diventare consulente senior in seno all'istituto.

Il pedinamento di Khan

Lo scorso settembre aveva tenuto banco per settimane, anche sui media internazionali, la vicenda di Iqbal Khan, pedinato su ordine della banca. L'ex top manager è stato tenuto sotto controllo forse per evitare che, nel passaggio alla concorrente UBS, portasse con sé clienti o altri dipendenti. Era emerso un mondo costellato da profondi rancori personali, dovuti anche al fatto che Khan era vicino di casa di Thiam. La vicenda aveva pure assunto i contorni della tragedia: un detective privato a cui la banca aveva affidato il compito di sorveglianza si era tolto la vita.

La banca aveva commissionato un'indagine allo studio legale Homburger: i giuristi erano giunti alla conclusione che Thiam e Rohner non sapevano nulla. I due top manager avevano poi parlato della sorveglianza di Khan come di un caso isolato. Erano però partiti il direttore operativo (COO) di Credit Suisse Pierre-Olivier Bouée (ora licenziato con effetto immediato) e il responsabile della sicurezza Remo Boccali.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.