Navigation

Crediti Covid, le aziende hanno usato solo la metà dei soldi

Fra i settori più interessati dal confinamento figura quello dei parrucchieri. KEYSTONE/GEORGIOS KEFALAS sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 12 giugno 2020 - 16:00
(Keystone-ATS)

Le piccole e medie aziende (PMI) che hanno ricevuto dalle banche prestiti di emergenza legati al Covid-19 garantiti dalla Confederazione hanno finora usato in media solo la metà delle loro linee di credito e alcune di esse stanno già rimborsando i soldi.

È quanto emerge da un'inchiesta effettuata presso gli istituti dall'agenzia Awp. Quasi tutte le banche interrogate fanno sapere che il ricorso dei clienti al denaro è inferiore al 50% dell'importo disponibile. Solo la banca cantonale argoviese (Aargauische Kantonalbank, AKB) presenta un valore superiore, pari al 60%. L'indagine ha tenuto conto di tutta una serie di istituti che, insieme, sono all'origine di ben oltre la metà dei crediti coronavirus.

Il volume di questi ultimi è di 15,2 miliardi, messi a disposizione di 128'616 imprese, stando ai dati (che si riferiscono a ieri) della Segreteria di Stato dell'economia (Seco). La parte del leone (13,4 maliardi) è rappresentata da prestiti sino a 500'000 franchi con garanzia statale totale. Per gli altri 1,8 miliardi (aiuti da 500'000 franchi a 20 milioni) la Confederazione garantisce l'85%.

La grande corsa al sostegno finanziario era avvenuta a fine marzo e nella prima metà di aprile, con migliaia di domande al giorno. Una portavoce della banca cantonale di Zurigo (Zürcher Kantonalbank, ZKB) sottolinea che i prestiti ponte sono stati utilizzati da molte aziende come misura precauzionale: era infatti difficile stimare come la pandemia e le relative restrizioni avrebbero influenzato i rami economici e le aziende a medio e lungo termine. ZKB ha concesso 729 milioni di franchi, di cui il 43% è stato usato.

Da parte sua UBS ha stanziato 2,7 miliardi, con un utilizzo del 48%. In linea di principio non è comunque nell'interesse del cliente mantenere il pieno ricorso al credito per tutta la sua durata: la controparte deve anche dar prova di flessibilità e rimborsare il prestito in anticipo, se necessario, ha osservato un addetto stampa.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.