Navigation

Cresce valore borsistico imprese elvetiche

Questo contenuto è stato pubblicato il 10 gennaio 2011 - 15:53
(Keystone-ATS)

ZURIGO - L'anno appena concluso ha visto crescere il valore borsistico della maggiori imprese elvetiche. È quanto emerge dalla lista delle cento maggiori società al mondo stilata dalla Ernst & Young, che annovera ben 4 aziende elvetiche: Nestlé, Novartis, Roche e Xstrata. Insieme queste ditte valgono 554 miliardi di dollari, il 5% in più rispetto al 31 dicembre 2009.
Una di queste società, Nestlé, figura addirittura nella top ten: a fine 2010, il gigante alimentare vodese è passato dal 17esimo al decimo posto. Segue il gigante farmaceutico Novartis, che dal 32esimo rango si è migliorata attestandosi al 26esimo posto.
La società specializzata nelle materie prime Xstrata con sede a Zugo è 92esima (dal 122esimo rango). Tra i pesi massimi elvetici, solo Roche ha perso posizioni scivolando dal 28esimo al 38esimo posto.
Tenuto conto della capitalizzazione di mercato, la Svizzera occupa il quinto posto, preceduta da Stati Uniti, Cina, Gran Bretagna e Brasile. Guida la classifica di Ernst & Young la società statunitense Exxon (369 miliardi di dollari), seguita dal gruppo petrolifero cinese Petrochina (303 miliardi) e dalla Apple (296 miliardi).
In generale sono cresciute di valore le società attive nelle economie emergenti di Brasile, Russia, India e Cina (BRIC). Per la ditta di consulenza che ha pubblicato lo studio è chiaro: "il prossimo decennio appartiene a questi Paesi".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?