Navigation

Crescita economica: anche UBS alza il tiro, atteso +0,9% nel 2012

Questo contenuto è stato pubblicato il 16 marzo 2012 - 15:09
(Keystone-ATS)

Anche gli economisti di UBS, come già fatto ultimamente da altri specialisti, correggono al rialzo le loro previsioni sulla crescita dell'economia svizzera: secondo le nuove valutazioni nel 2012 il prodotto interno lordo dovrebbe aumentare dello 0,9%, contro lo 0,4% stimato in precedenza. Per il 2013 il tasso di espansione è stato ritoccato dall'1,6 all'1,9%.

Stando a UBS il miglioramento delle previsioni è in primo luogo dovuto ai recenti sviluppi sui mercati finanziari internazionali. La stabilizzazione in atto ha fatto diminuire il rischio di una crisi incontrollata in vaste regioni dell'Eurozona. Anche il trend economico della gran parte dei paesi europei viene giudicato un po' più positivamente: negli stati che hanno introdotto l'euro l'evoluzione del pil dovrebbe essere del -0,4, mentre prima gli economisti della banca puntavano a un -0,7%.

Ieri la Segreteria di stato dell'economia (SECO) aveva aumentato le sue previsioni per la crescita dell'economia elvetica da 0,5 a 0,8%. Lo stesso giorno la Banca nazionale era passata dallo 0,5 all'1%.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?