Navigation

Crescita Pil: Credit Suisse rivede al ribasso espansione 2012

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 novembre 2011 - 09:47
(Keystone-ATS)

Anche il Credit Suisse ha riveduto drasticamente verso il basso le prospettive per la crescita dell'economia elvetica, a causa della crisi del debito in Eurolandia e dell'indebolimento della dinamica dell'economia nel Vecchio continente. Ora gli esperti della banca si attendono un tasso di espansione del prodotto interno lordo (Pil) dello 0,5% per il 2012, contro il +2% indicato in settembre.

"Le prospettive nei principali paesi partner dell'export elvetico si sono decisamente deteriorate e i continui allarmi di crisi si ripercuotono negativamente sul clima. La Svizzera deve quindi attendersi un calo delle esportazioni e degli investimenti in beni strumentali. Tuttavia, i consumi privati e l'edilizia dovrebbero sostenere la congiuntura. Mentre l'economia statunitense ha, come previsto, denotato una nuova leggera accelerazione dopo la flessione di metà anno, per l'Europa si è verificato il contrario", scrive il Credit Suisse in una nota odierna.

Il minore slancio si è fatto sentire proprio in Germania, il principale partner commerciale della Confederazione.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?