Navigation

Crew Dragon: tutto pronto per lancio storico

I due astronauti Douglas Hurley (sinistra) e Robert Behnken (destra) hanno raggiunto la rampa di lancio a bordo di una Tesla. Keystone/EPA NASA/BILL INGALLS / NASA / HANDOUT sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 27 maggio 2020 - 22:27
(Keystone-ATS)

Tutto è pronto per il lancio destinato a restare nella storia dell'era spaziale: Elon Musk restituisce il sogno agli americani e li fa tornare nello Spazio con una navetta costruita da un privato.

Si prepara a partire dal Kennedy Space Center di Cape Canaveral con due astronauti a bordo, restituendo dopo 9 anni agli Stati Uniti la possibilità di lanciare una missione da una base sul suolo americano. Un lancio storico, dopo il quale nulla sarà più come prima nella politica dei voli spaziali e nell'esplorazione.

Pesa l'incognita del maltempo, con una tempesta che incombe appena a nord del sito di lancio e che dà il 50% di probabilità di condizioni meteo favorevoli al volo, ma a Cape Canaveral continua a scorrere il display che scandisce il conto alla rovescia per il lancio della capsula Crew Dragon della SpaceX di Elon Musk, che dopo l'uscita di scena dello Space Shuttle, nel 2011, porterà in orbita degli astronauti dal suolo americano per conto della Nasa.

#LaunchAmerica è l'hashtag della missione, chiamata Demo2, il cui lancio è previsto alle 22.33 ora svizzera alla presenza, come nelle grandi occasioni, del presidente degli Stati Uniti Donald Trump e del suo vice Mike Pence.

La capsula è pronta sul razzo riutilizzabile Falcon 9 della SpaceX, sulla storica rampa 39/A da cui sono partite le missioni Apollo dirette alla Luna e poi quelle dello Space Shuttle.

Ad affrontare la missione, che li porterà sulla Stazione Spaziale Internazionale, sono gli astronauti Doug Hurley e Bob Behnken, entrambi veterani della Nasa. Hanno raggiunto la rampa di lancio a bordo di una Tesla (azienda pure di Elon Musk) nelle loro tute disegnate dal costumista dei supereroi hollywoodiani Jose Fernandez; prima di entrare hanno salutato. Hanno anche avuto il tempo per telefonare alle famiglie.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.