Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERNA - Il PPD vuole un giro di vite nella lotta alla criminalità. I democristiani hanno annunciato oggi di volersi battere per un codice penale più efficace, sostenendo un inasprimento delle pene ed una migliore gestione della delinquenza giovanile e delle manifestazioni pubbliche.
Nell'ambito della revisione della normativa penale da parte del Consiglio federale, il PPD propone una "revisione della revisione" che prenda in considerazione diversi punti. Secondo il presidente del partito Christophe Darbellay "il codice penale deve avere effetto preventivo e dissuasivo. È importante che i giovani autori di violenze prendano coscienza della gravità dei loro atti".
Il suo partito vuole limitare il ricorso ai decreti di accusa, in particolare per i giovani delinquenti. La comparsa in pubblico di fronte a un giudice è considerata infatti più efficace della pena stessa. Questa procedura deve essere obbligatoria in caso di atti di violenza commessi intenzionalmente e aggressioni a sfondo sessuale, oltre che violazioni gravi del codice stradale.
I democristiani denunciano inoltre un clima generale di maggiore propensione agli atti di violenza gratuita e reclamano un inasprimento delle pene: non bisognerà più solo tener conto delle lesioni corporali commesse, ma anche del mondo in cui sono state inflitte.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS