Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il Parlamento cipriota è stato convocato per domani pomeriggio alle 17 per votare sul prelievo forzoso sui depositi bancari proposto dall'Ue in cambio della concessione di aiuti per 10 miliardi di euro per il salvataggio dell'economia dell'isola. Lo ha annunciato il presidente del Parlamento, Yannakis Omirou.

Intanto a Mosca il presidente russo Vladimir Putin, ha definito "ingiusta, non professionale e pericolosa" la condizione di una tassa forzosa sui conti correnti bancari a Cipro posta dalla Ue. Lo ha riferito il suo portavoce Dmitri Peskov, durante un vertice al Cremlino

Mosca è preoccupata dalla richiesta a Cipro da parte della Ue e del Fmi di istituire una tassa eccezionale del 6,75% su tutti i depositi bancari sotto i 100 mila euro e del 9,9% al di sopra di questa soglia.

La stampa stima che il costo totale di una tale misura potrebbe arrivare tra i 2 i 3 mld di euro per i russi, che tra privati e banche vanterebbero oltre 30 miliardi di dollari nell'isola mediterranea.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS