Navigation

Crisi: Indignati d'Europa a Madrid per fronte comune

Questo contenuto è stato pubblicato il 01 novembre 2012 - 17:58
(Keystone-ATS)

Debito, diritti, democrazia: sono i cardini sui quali gli "indignados" dei movimenti sociali di mezza Europa puntano a costruire una strategia di mobilitazione comune, in 'Agorà 99%', incontro internazionale da oggi a domenica a Madrid.

Quattro giornate di dibattiti e discussioni, per "condividere le esperienze, confrontare le diverse realtà e coordinare le mobilitazioni", spiega Eva Munoz, una degli attivisti che ha promosso e organizzato l'incontro.

Indignados provenienti da Grecia, Portogallo, Francia, ma anche Germania e Italia e da numerose città spagnole sono già a Madrid per partecipare ai workshop su una nuova carta dei diritti sociali, sull'esperienze di disobbedienza civile, sul diritto alla casa e sulla "difesa dei beni comuni", acqua, terra e cultura, spiega la pagina web di 'Agorà 99%'.

"L'idea - ha detto la Munoz - era riunire anche i movimenti dall'altra sponda del Mediterraneo, ma a causa di difficoltà logistiche, parteciperanno solo alcuni portavoce dei movimenti di Tunisi e dell'Egitto".

'Agorà 99% intende raccogliere il testimone dell'incontro internazionale, realizzato dagli attivisti dei movimenti sociali nei mesi scorsi a Francoforte, contro le politiche di austerity: "Vogliamo dimostrare in tutta Europa che quelli in basso, che pagano le conseguenze della crisi del debito, il 99%, sono uniti", spiegano gli attivisti.

Per domenica, è prevista una grande assemblea alla Puerta del Sol, per ricordare l'iniziativa 'Toma la plaza' ('occupa la piazza') su cui si è coagulato il Movimento degli indignados che dalla Spagna si è poi esteso ad altre capitali globali.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.