Navigation

Crisi: Lagarde, lavoro priorità, da austerity no crescita

Questo contenuto è stato pubblicato il 03 aprile 2012 - 21:24
(Keystone-ATS)

Il mercato del lavoro è la priorità. Nel mondo ci sono 200 milioni di persone senza un'occupazione, un numero "ostinatamente alto" che "mette a dura prova la società".

A lanciare un nuovo allarme occupazione è il direttore generale del Fondo Monetario Internazionale (Fmi) Christine Lagarde che, pur osservando un miglioramento nell'economia con segnali incoraggianti sulle due sponde dell'Atlantico, mette in guardia: non bisogna compiacersi perché la ripresa è ancora fragile.

E aggiunge: una "corsa globale e indifferenziata all'austerity si rivelerà controproducente". La cautela di Lagarde fa il paio con quella della Fed che prevede una ripresa moderata, con un'accelerazione economica e un calo del tasso di disoccupazione solo graduali.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?