Navigation

Crisi: Usa; Obama verso proposta nuovi limiti a banche

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 gennaio 2010 - 07:11
(Keystone-ATS)

NEW YORK - Nuovi limiti per le banche in termini di taglia e di rischi. E' quanto dovrebbe proporre oggi il presidente americano Barack Obama. Lo riporta la stampa americana citando alcuni rappresentanti dell'amministrazione.
Obama terrà un discorso oggi sulla riforma delle finanza al termine di un incontro con l'ex presidente della Fed Paul Volcker.
La proposta di Obama "rappresenta un nuovo assalto a Wall Street, sulle orme, almeno nello spirito, dei limiti alla finanza imposti durante la Grande Depressione" afferma il Wall Street Journal, precisando come l'iniziativa si muove in senso profondamente diverso rispetto all'atteggiamento avuto dalle banche nell'ultimo decennio e caratterizzato da una spinta al consolidamento per dar vita a dei giganti del credito.
L'iniziativa di Obama ha come obiettivo quello di scoraggiare le banche a divenire così grandi da rappresentare un rischio per l'economia e da alterare la normale concorrenza.
"La proposta includerà limiti alla taglia e alla complessità delle banche, soprattutto in termini di proprietary trading", limitando così le 'scommesse' effettuate dalle banche con il proprio capitale.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.