Un uomo, Navinder Sarao, è stato arrestato con l'accusa di aver contribuito al 'flash crash' del maggio 2010, quando il Dow Jones nel giro di un minuto perse 600 punti. Lo afferma il Dipartimento di Giustizia americano.

Sottolinea in particolare che Sarao è in custodia della autorità inglesi e fra le accuse mosse nei suoi confronti ci sono quelle di frode, manipolazione e 'spoofing', una forma illegale di manipolazione del mercato con l'highfrequency trading, gli scambi veloci.

Lo spoofing prevede che grandi ordini vengano piazzati e rapidamente cancellati "senza l'intenzione che si traducano in transazioni". Secondo le autorità americane, Sarao "si è impegnato" per un periodo di cinque anni a cercare di "manipolare" il prezzo dei future degli indici di Borsa ricorrendo ad "aggressive tecniche di spoofing".

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.