La Bundesbank conferma "più o meno" le sue stime di crescita per la Germania, +1,9% per quest'anno e un 2% per il prossimo. Lo ha detto il presidente Jens Weidmann dopo il forte calo dell'indice Zew di oggi che rafforza le attese per l'arresto della crescita nel secondo trimestre. "Ci sono rischi geopolitici aumentati, come la crisi in Ucraina, che possono pesare", ma "nel complesso siamo orientati a pensare che il trend di base relativamente positivo continuerà", ha detto Weidmann all'emittente Pheonix Tv.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.