Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Nella crisi politica che ha portato giovedì scorso alla sfiducia al governo di Tim Oreskovic, il parlamento croato ha deciso oggi di auto-dissolversi, con decorrenza il prossimo 15 luglio, spianando la strada ad elezioni anticipate in settembre.

La data è stata spostata di quasi un mese sulle previsioni, per evitare che le elezioni anticipate, le prime nella storia della Croazia, potessero tenersi a luglio o ad agosto. Ora spetta alla presidente della Repubblica, Kolinda Grabar Kitarovic, stabilire la data esatta, molto probabilmente il 4 o l'11 settembre.

I sondaggi vedono in vantaggio il centrosinistra dell'ex premier Zoran Milanovic, ma non al punto da assicurargli una comoda maggioranza che gli permetterebbe di formare un governo senza alleanze post-elettorali. Il centrodestra, invece, si trova in una situazione delicatissima, costretto a presentarsi davanti agli elettori dopo il fallimento del governo di Oreskovic e con il proprio leader, Tomislav Karamarko, coinvolto in un imbarazzante caso di conflitto d'interessi.

Sono per questo sempre più insistenti le voci secondo cui Karamarko sarà costretto a rinunciare a guidare la destra alle elezioni, che nelle prossime settimane dovrà probabilmente trovare un nuovo candidato premier.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS