Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Svizzera dovrebbe associarsi al nuovo Fondo per la sicurezza interna (FSI) dello spazio Schengen a partire dal 2019. È l'opinione del Consiglio degli Stati che si è espresso a favore per 39 voti a 2. Il dossier va al Nazionale.

La Commissione europea ha dato tempo alla Svizzera fino al 3 luglio 2017 per riprendere il regolamento che istituisce il nuovo fondo, sostituendo quello per le frontiere esterne, al quale la Confederazione ha partecipato dal 2009 al 2013.

Lo scopo del FSI è sostenere gli Stati dello spazio Schengen le cui frontiere sono particolarmente estese o che accolgono aeroporti internazionali importanti. Dovrebbe inoltre contribuire ad accrescere l'efficacia dei controlli e a migliorare la protezione delle frontiere esterne. Il tutto dovrebbe quindi portare a ridurre il numero di entrate illegali.

Secondo il relatore della commissione Isidor Baumann (PPD/UR), la collaborazione fra Berna e Bruxelles è indispensabile per riuscire a conciliare interessi economici e controlli restrittivi delle frontiere. Si tratta poi di mostrarsi solidali con Stati sui quali gravano pesi e costi generati dalla protezione dei confini.

In totale il fondo sarebbe dotato di 2,76 miliardi di euro per il periodo 2014-2020. La ripresa del regolamento europeo non implica alcuna modifica delle leggi svizzere, ha ricordato Baumann. Secondo stime del Consiglio federale, la Svizzera dovrà versare 129 milioni distribuiti su sette anni, ovvero circa 18,43 milioni all'anno.

Da parte sua, la Svizzera dovrebbe ricevere in totale dal nuovo fondo 20 milioni di franchi per rafforzare i controlli alle sue frontiere esterne, nel caso concreto negli aeroporti, ha sottolineato il "senatore" urano.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS