Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERNA - I 12 cantoni che non dispongono di scuole universitarie avranno in futuro le stesse responsabilità degli altri 14. Il Consiglio degli Stati ha adottato oggi, con 26 voti senza opposizione, una legge sugli istituti universitari che comprende l'articolo costituzionale accettato in votazione nel 2006 dall'85% della popolazione. Il dossier va al Nazionale.
Elaborato in collaborazione con i cantoni, il nuovo testo dovrebbe sostituire le legislazioni in vigore per università e Scuole universitarie professionali (SUP), attualmente distinte. Mira in particolare ad introdurre una pianificazione degli istituti universitari a livello nazionale e ad istituire nuovi organi direttivi.
È stato il ruolo dei singoli cantoni in questi ultimi ad aver acceso il dibattito e in particolare la partecipazione o meno, proprio nelle istanze decisionali, di quelli senza scuole universitarie.
Una minoranza rappresentata da Felix Gutzwiller (PLR/ZH) chiedeva in particolare di non coinvolgerli direttamente. Per Géraldine Savary (PS/VD) esiste infatti il pericolo che i cantoni universitari risultino indeboliti dalla disposizione. Una struttura come quella prevista rischia di rivelarsi una macchina troppo pesante, ha da parte sua aggiunto Anita Fetz (PS/BS).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS