Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERNA - La 6a revisione dell'assicurazione invalidità (AI), che si ripropone di sopprimere 12'500 rendite entro il 2018, ha superato senza problemi l'esame del Consiglio degli Stati. I "senatori" l'hanno approvata con 24 voti contro 4 e tre astenuti. La sinistra ha tentato invano di convincere la Camera dei cantoni a non penalizzare le persone che soffrono di dolori cronici non dovuti a cause organiche e che finora ricevevano una rendita.
Questa revisione è la pietra miliare del risanamento dell'AI, ha detto Alex Kuprecht (UDC/SZ) a nome della commissione della sicurezza sociale. Questo primo pacchetto di misure infatti dovrebbe permettere risparmi per circa 500 milioni tramite una riduzione delle rendite del 5% entro il 2018. Tutte le rendite verranno sistematicamente riesaminate e per ogni beneficiario sarà valutato il potenziale di reinserimento sul mercato del lavoro. Saranno inoltre create le basi legali per riesaminare anche le rendite per disturbi da dolore somatoforme, come la fibromialgia, concesse prima del 2008. Da quella data in poi questo tipo di patologie non darà più diritto a una rendita.
L'oggetto passa al Nazionale.

SDA-ATS