Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il ministro degli esteri Didier Burkhalter (foto d'archivio)

KEYSTONE/PETER KLAUNZER

(sda-ats)

La politica europea è un argomento di competenza del Consiglio federale e non di uno solo dei suoi membri, ha detto il ministro degli esteri Didier Burkhalter. Il suo successore non potrà quindi semplicemente schiacciare il bottone "reset".

Le parole di Burkhalter, in occasione della sua ultima apparizione agli Stati, fanno in particolare riferimento alle esternazioni del candidato al governo Ignazio Cassis, che in un'intervista ha definito il concetto di accordo quadro come "avvelenato", aggiungendo che bisognerebbe schiacciare per l'appunto il pulsante "reset".

Rispondendo a un'interpellanza di Beat Vonlanthen (PPD/FR), il consigliere federale ha affermato che la via bilaterale non è statica come una fotografia, ma piuttosto dinamica come un film. La modernizzazione di tale strada è realisticamente possibile solo per via istituzionale, ha sostenuto.

L'esecutivo continuerà questo percorso, ha aggiunto ricordando i successi ottenuti a livello europeo, come i dossier sulla ricerca o la valutazione della conformità. Sul futuro dei rapporti fra Svizzera e Unione europea, il ministro degli esteri si è tuttavia mostrato piuttosto cauto: il Consiglio federale osserva l'evoluzione, senza fare troppo rumore, ha affermato.

Al termine del suo intervento Burkhalter è stato salutato da un lungo applauso dei "senatori" e, per concludere, ha affermato di essersi sempre sentito a casa con la cultura della discussione che vige al Consiglio degli Stati.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS