Navigation

CSt: discordia sui cani pericolosi, si va in conciliazione

Questo contenuto è stato pubblicato il 01 dicembre 2010 - 10:49
(Keystone-ATS)

BERNA - Persistono le divergenze tra le Camere in fatto di cani pericolosi e spetterà alla conferenza di conciliazione trovare una soluzione sulla questione dei divieti cantonali.
Con 23 voti a 17 il Consiglio degli Stati ha deciso oggi di rimanere fermo sulla sua decisione e di non permettere che i Cantoni siano liberi di legiferare in modo autonomo, emanando divieti. Ci vorrà una legislazione federale. Il Nazionale invece è favorevole a pratiche cantonali differenziate.
Il compito della conferenza di conciliazione si annuncia tuttavia arduo, tanto più che certi "senatori", come il bernese Werner Luginbühl (PBD), hanno minacciato di respingere il progetto in votazione finale.
Su un punto le Camere si sono comunque accordate: con 23 voti a 6 gli Stati hanno accettato che al posto della museruola si possa ricorrere a "protesi" da applicare ai denti del cane. Esse dovrebbero impedire all'animale di azzannare un'eventuale vittima.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.