Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERNA - La Svizzera deve dotarsi di un catalogo preciso di misure destinate ad arginare la costruzione di residenze secondarie. Temendo l'iniziativa popolare di Franz Weber riguardante questa problematica, il Consiglio degli Stati ha ribadito oggi il suo punto di vista, chiedendo inoltre di ancorare queste disposizioni nella legge.
Al contrario del Nazionale, la Camera dei cantoni ha nuovamente rifiutato di lasciare carta bianca al governo in questo ambito. Ha tacitamente confermato il suo punto di vista, che chiede di designare le regioni in cui vanno prese misure per mantenere una proporzione equa di residenze secondarie e principali.
La revisione della legge deve fungere da controprogetto all'iniziativa dell'ecologista vodese denominata "Basta con la costruzione sfrenata di abitazioni secondarie!". Deve inoltre facilitare l'abrogazione della lex Koller che vieta alle persone residenti all'estero l'acquisto di fondi in Svizzera. Il Nazionale è chiamato nuovamente a pronunciarsi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS