Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

È necessaria maggiore trasparenza per i lobbisti che frequentano Palazzo federale. Ne è convinto il Consiglio degli Stati che ha approvato (20 voti a 17) un'iniziativa parlamentare in tal seno del "senatore" Didier Berberat (PS/NE).

Mediante il suo atto parlamentare, Berberat chiede l'accreditamento obbligatorio per i lobbisti e l'adozione di un eventuale limite alla loro presenza sotto il "Cupolone", prendendo spunto da quanto avviene già per i giornalisti che seguono da vicino l'attività parlamentare.

I lobbisti dovranno essere accreditati, si dovrà istituire un registro pubblico di questi accreditamenti nel quale dovranno specificare i loro mandati e i loro datori di lavoro.

Attualmente, i deputati hanno la possibilità di far accreditare due persone esterne, siano essi collaboratori personali oppure rappresentanti di gruppi di interesse. Inoltre possono rilasciare autorizzazioni permanenti d'accesso.

L'iniziativa è stata sostenuta da sinistra e da diversi esponenti del campo "borghese", tranne l'UDC, secondo cui ulteriori regole in questo settore non sono necessarie.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS