Navigation

CSt: migranti, migliorare situazione in Grecia e riformare Dublino

Un campo profughi sull'isola di Lesbo. KEYSTONE/AP/Panagiotis Balaskas sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 23 settembre 2020 - 12:01
(Keystone-ATS)

La situazione dei migranti nelle isole greche dell'Egeo non è sostenibile, specie dopo quanto accaduto nel campo profughi di Moria, sull'isola di Lesbo.

Ne è convinto il Consiglio degli Stati che, dopo il Nazionale in giugno, ha approvato una mozione (34 voti a 7) che domanda al governo di impegnarsi a livello europeo, non da ultimo per favorire una riforma dell'Accordo di Dublino.

Nel corso del dibattito, diversi oratori di sinistra hanno denunciato le difficili condizioni in cui si trovano i campi profughi e la necessità di fare di fare di più.

Dublino ha dimostrato di funzionare male in caso di crisi, ha sostenuto Christian Levrat (PS/FR): c'è bisogno di maggiore solidarietà anche per quanto attiene alla ripartizione dei profughi tra i vari paesi europei.

Da destra, pur non abbellendo la situazione, sono stati messi in evidenza i limiti della Confederazione di fronte a un problema di queste dimensioni. L'UDC e Thomas Minder (Indipendente/SH) hanno rimproverato alla Grecia di non rispettare gli accordi di Dublino nonostante le centinaia di milioni di franchi ricevuti per far fronte alla situazione. Secondo Hannes Germann (UDC/SH), bisogna concentrasi sull'aiuto in loco.

Anche il Consiglio federale condivide le preoccupazioni sollevate nella mozione, ha detto la consigliera federale Karin Keller-Sutter. Si tratta di una sfida per tutta l'Europa, che deve essere affrontata congiuntamente, ha aggiunto la ministra di giustizia e polizia affermando che la Confederazione s'impegna soprattutto nell'accoglienza delle persone più vulnerabili, in particolare minorenni non accompagnati.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.