Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il Consiglio degli Stati ha respinto stamane l'iniziativa popolare di Marche Blanche "Affinché i pedofili non lavorino più con fanciulli". I "senatori" hanno però deciso, con 27 voti contro 14, di presentare un controprogetto diretto. In marzo, il Nazionale aveva invece approvato il testo e respinto il controprogetto.

A differenza dell'iniziativa, il controprogetto propone che solo le persone colpevoli di infrazioni di una certa gravità vengano colpite dal divieto - per una durata di minimo 10 anni fino ad una sospensione a vita dove necessario - di esercitare un'attività professionale o extra-professionale con i bambini.

Una minoranza ha chiesto l'interdizione a vita obbligatoria se la persona coinvolta viene definita pedofilo e si è resa colpevole di atti con minori di 12 anni. Tale proposta è stata respinta con 25 voti contro 15.

Il controprogetto va per certi versi oltre quanto chiesto dall'iniziativa, e vorrebbe inserire nella Costituzione un divieto di contatto e un'interdizione geografica.

In marzo, il Nazionale aveva approvato l'iniziativa e respinto l'ipotesi di presentare un controprogetto. La Camera del popolo non era però contraria di principio al controprogetto, questo è infatti stato affossato per motivi tattici e per divergenze sul suo contenuto.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS