Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Non è necessario vietare l'importazione di pinne di squalo per la preparazione di piatti a base di questo alimento, dal momento che simili prodotti non vengono introdotti in Svizzera. È quanto pensa il Consiglio degli Stati.

La Camera ha respinto per 22 voti a 15 una mozione del consigliere nazionale Oskar Freysinger (UDC/VS). Il dossier è liquidato.

Lo scorso marzo, il consigliere nazionale vallesano aveva giustificato un divieto con la caccia senza pietà e le sofferenze cui sono oggetto questi animali, privati delle pinne appena catturati e rigettati ancora vivi in mare. Freysinger aveva accennato all'esistenza di ristoranti nella Svizzera romanda che offrono piatti a base di questi prodotti.

Oggi, come durante la sessione primaverile, il consigliere federale Alain Berset ha sostenuto che dalle statistiche non risultano importazioni di pinne di squalo. A suo avviso, un divieto sarebbe soltanto simbolico.

Quanto ai ristoranti che propongono simili piatti, stando a ricerche svolte da chimici specializzati si è scoperto che la carne offerta non aveva nulla a che fare con le pinne di squalo. I gestori, ha spiegato il ministro friburghese, hanno dovuto modificare la carta del menù.

Diversi oratori favorevoli alla mozione hanno sostenuto il divieto. Benché simbolico, è necessario inviare un segnale chiaro in favore della tutela di questa specie marittima, minacciata.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS