Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Senza sorprese, gli Stati hanno deciso oggi tacitamente di non rinviare al Consiglio federale - come deciso invece dal Nazionale nel giugno scorso - il pacchetto di consolidamento e verifica dei compiti (Pcon) affinché il Governo presenti due scenari su come tenere sotto controllo i conti dello Stato.

La Camera dei cantoni, in sintonia con la ministra delle finanze Eveline Widmer-Schlumpf, giudica inevitabile che il parlamento affronti il problema per scongiurare un peggioramento della situazione finanziaria e rifletta su quali compiti "si può o si deve rinunciare e su cosa debba avere priorità". Il dossier ritorna alla Camera del popolo.

Pur concordando col Nazionale sul fatto che il progetto governativo dovrebbe presentare più rinunce vere e proprie a compiti e che non tutti i provvedimenti proposti dal Consiglio federale sono attuabili politicamente, gli Stati considerano importante esaminare le misure di risparmio e di rinuncia proposte dall'esecutivo affinché almeno i provvedimenti non contestati possano essere realizzati.

Nel giugno scorso, con 105 voti a 72, il Nazionale aveva rinviato al Consiglio federale il Pcon. La maggioranza non aveva tuttavia rimesso in causa la necessità di procedere a tagli. La proposta di non entrata in materia della sinistra, secondo cui il programma di economie da oltre 700 milioni di franchi all'anno a partire dal 2014 fino al 2016 è un passo sbagliato, era stata infatti respinta per 119 voti a 58.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS