Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

I riscaldamenti elettrici non saranno vietati, almeno non a corto termine. Il Consiglio degli Stati ha infatti respinto - 31 voti a 1 - una mozione del Nazionale che chiedeva la sostituzione di questo sistema di riscaldamento con altri meno dispendiosi entro il 2025.

La Svizzera conta oltre 250'000 riscaldamenti elettrici, che consumano l'equivalente del doppio della produzione annua della centrale nucleare di Mühleberg. La scelta di sistemi più efficienti, come le pompe a calore, permetterebbe di realizzare notevoli risparmi energetici.

Malgrado ciò, i "senatori" hanno bocciato la mozione poiché in base alla Costituzione, le misure concernenti il consumo di energia negli edifici competono in primo luogo ai Cantoni. La Camera dei cantoni ha anche ritenuto che il modello di prescrizione intercantonale, sostenuto dalla Strategia energetica 2050, sia più adatto a rispondere alla sostituzione degli impianti di riscaldamento elettrici. Questo dovrebbe entrare in vigore nel 2020 e lasciare 15 anni di tempo ai proprietari per adeguarsi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS