Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

CSt: sorveglianza comunicazioni, "no" a conservare dati in Svizzera

Posta e imprese di telecomunicazioni non saranno obbligate a conservare in Svizzera i dati marginali delle conversazioni. Lo ha deciso oggi il Consiglio degli Stati approvando le proposte della Conferenza di conciliazione. Il Nazionale si esprimerà oggi pomeriggio.

La Conferenza di conciliazione ha dunque sposato la versione fin qui difesa dalla Camera dei Cantoni che ha sempre sostenuto inapplicabilità di questa richiesta definita anche protezionistica. Tutte le imprese attive in Svizzera sono tenute a rispettare la legislazione elvetica indipendentemente da dove conservano i dati, aveva spiegato il relatore della commissione Stefan Engler (PPD/GR).

Il Nazionale ha invece per ben tre volte ribadito la necessità di conservare queste informazioni - mittente, destinatario, data, punto di partenza, ma non il contenuto della conversazione - in Svizzera per evitare che siano custodite in Paesi dove la legislazione sulla protezione dei dati è meno severa. Il consigliere nazionale Franz Grüter (UDC/LU) ha peraltro già promesso il lancio del referendum.

Se anche il Nazionale approverà le proposte della Conferenza di conciliazione, la sorveglianza della corrispondenza postale e del traffico delle telecomunicazioni potrà essere adeguata alle tecnologie moderne, specie Internet, per rimanere al passo con criminali sempre più agguerriti. Le autorità giudiziarie potranno ad esempio impiegare programmi informatici "spia".

Potranno essere utilizzati sia i GovWare che i cosiddetti IMSI-catcher. Potranno anche essere controllate le comunicazioni che utilizzano un protocollo VoIP come Skype.

Le perquisizioni online non saranno invece ammesse. Ciò significa che non sarà permesso usare GovWare che raccolgono informazioni sul disco fisso del computer. E neppure programmi che attivano webcam e microfoni.

La legge si applicherà inoltre soltanto alla sorveglianza di presunti autori di reati penali gravi, per i quali sarebbe ammissibile anche un'indagine sotto copertura: assassini, crimini mafiosi, finanziari o a carattere pedofilo. Non sarà possibile la sorveglianza a titolo preventivo, questa pratica è infatti regolata dalla Legge sulle attività informative adottata dal Parlamento in settembre.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.