Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'attuale situazione finanziaria non permette l'istituzione di tre centri nazionali per la promozione degli sport della neve. È quanto ritiene il Consiglio degli Stati che, con 33 voti contro 9 e un astenuto, ha bocciato una mozione in tal senso.

Nel dicembre scorso, l'atto parlamentare del consigliere nazionale Christian Lohr (PPD/TG) era stato accolto dalla Camera del popolo per 91 voti a 84 e 4 astenuti. Con la sua proposta, Lohr intendeva far cambiare idea al Consiglio federale che prevede di istituire un solo centro nei Grigioni, sempre che i soldi bastino.

Rispetto agli anni Settanta e Ottanta, aveva affermato Lohr in aula, il numero delle settimane bianche organizzate dalle scuole e il numero degli allievi che praticano attivamente uno sport della neve sono diminuiti drasticamente. A suo avviso, la creazione di almeno tre centri nazionali ripartiti nelle varie regioni elvetiche avrebbe consentito a numerose scuole di proporre settimane bianche a prezzi ragionevoli.

Visti i programmi di risparmio in corso, la Confederazione non ha i mezzi per creare tre centri nazionali, ha però spiegato il ministro dello sport Guy Parmelin. Per i "senatori" è meglio puntare sulla mozione già approvata dal Parlamento che chiede di sviluppare misure a favore degli sport sulla neve. Questa infatti non prevede misure vincolanti per il governo, ha fatto notare Joachim Eder (PLR/ZG).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS