Navigation

CSt: tassare bonus superiori ai 3 milioni di franchi

Questo contenuto è stato pubblicato il 31 maggio 2012 - 10:24
(Keystone-ATS)

Il popolo potrà pronunciarsi sull'imposizione dei bonus superiori ai 3 milioni di franchi. Allineandosi al Nazionale, anche il Consiglio degli Stati ha deciso oggi, con 23 voti a 15, di opporre un controprogetto diretto all'iniziativa popolare dell'imprenditore e consigliere agli Stati indipendente Thomas Minder "Contro le retribuzioni abusive".

Il controprogetto diretto si limita alla tassazione dei bonus: le società non potranno più considerare come oneri giustificati dall'uso commerciale le parti di rimunerazione che superano i 3 milioni di franchi per persona e per esercizio. La parte eccedentaria verrà tassata. I cittadini potranno scegliere fra questa proposta o quella formulata dall'iniziativa Minder.

Quest'ultima mira a porre un freno alle retribuzioni esagerate dei quadri delle società quotate in borsa, ma senza quantificarle. Prevede, in particolare, che gli azionisti decidano in merito ai salari dei consiglieri d'amministrazione e dei manager. Vuole inoltre introdurre maggior rigore per quanto concerne le cosiddette "liquidazioni dorate".

Con 21 voti a 15, il Consiglio degli Stati si è allineato al Nazionale proponendo di respingerla. Il parlamento ha infatti già adottato una revisione della legge che riprende, in maniera più morbida, le principali rivendicazioni dell'iniziativa popolare.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?