Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'ammodernamento degli impianti di trasbordo per il traffico combinato e dei binari di raccordo vanno sovvenzionati dalla Confederazione.

Lo ha deciso oggi il Consiglio degli Stati eliminando tacitamente le ultime divergenze che l'opponevano al Nazionale in merito alla revisione Legge sul trasporto di merci (LTM).

Inizialmente la Camera dei cantoni, sostenuta anche dal governo, voleva limitarsi a concedere contributi d'investimento per le nuove costruzioni e per gli ampliamenti. Il dossier è ora pronto per le votazioni finali.

La modifica della LTM ha come obiettivo lo sviluppo sostenibile e la complementarità dei vari mezzi di trasporto, nonché la creazione di strutture adeguate alle quali tutte le imprese avranno accesso senza discriminazioni. I treni merci non dovranno più sistematicamente cedere la precedenza a quelli viaggiatori. I gestori dell'infrastruttura dovranno elaborare un piano di utilizzazione della rete allo scopo di conservare le capacità necessaire.

Durante l'iter parlamentare, le camere hanno anche deciso che le Ferrovie federali (FFS) devono continuare a fornire prestazioni nel traffico merci come compito principale. Il governo voleva invece togliere quest'obbligo dalla Legge sul trasporto di merci (LTM).

Il Parlamento ha anche voluto estendere le sovvenzioni al trasporto di merci sulla rete a scartamento ridotto. Pure approvati gli aiuti - 40 milioni - agli impianti portuali di Basilea per il trasbordo di merci nel traffico combinato. In totale Berna dovrà assumersi un impegno finanziario di 250 milioni di franchi.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS