Navigation

Cuba: Usa, Obama condanna repressione dissenso

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 marzo 2010 - 07:41
(Keystone-ATS)

NEW YORK - Il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha duramente condannato la repressione recentemente inaspritasi a Cuba e ha chiesto la liberazione dei prigionieri politici in una dichiarazione diffusa in serata dalla Casa Bianca.
Nel documento, Obama cita in particolare "la tragica morte di Orlando Zapata Tamayo", oltre alla "repressione che ha colpito le Damas de Blanco", definendo questi ed altri eventi causa di "profondo turbamento".
Il presidente americano chiede la fine della repressione e la liberazione "immediata e senza condizioni" di tutti i prigionieri politici, oltre al rispetto dei diritti basilari del popolo cubano.
Obama ribadisce infine la volontà di nuovi rapporti con Cuba, ma si dice impegnato ad appoggiare "il semplice desiderio del popolo cubano di determinare liberamente il proprio futuro" in libertà.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.