Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Chieste migliori condizioni di lavoro nelle case di cura

KEYSTONE/GAETAN BALLY

(sda-ats)

Migliori condizioni di lavoro nel campo delle cure di lunga durata sono state rivendicate oggi dalla conferenza nazionale di settore del sindacato Unia. Il sindacato ha consegnato alla Cancelleria federale una petizione sul tema firmata da 10'000 persone.

La petizione chiede di garantire impieghi sicuri, una quantità sufficiente di personale, salari adeguati e il necessario riconoscimento per il lavoro prestato, indica Unia in una nota.

La conferenza nazionale ha riunito a Berna 50 persone del settore delle cure e della presa a carico. Un tema della discussione ha interessato le case di cura private.

Orpea, il più importante gruppo svizzero del ramo, si è ingrandito un anno fa con 60 nuove case di cura in tutta Europa. La Svizzera non rappresenta il mercato più importante per fatturato, ma con 51,4 milioni di euro di utile netto è risultato l'anno scorso il più redditizio.

In Svizzera Orpea controlla in particolare le case di cura Senevita. Un'impresa - scrive Unia - che punta sulla mano d'opera a basso costo e facilmente rimpiazzabile e investe più sull'estetica e sul suo parco immobiliare che sulle condizioni di lavoro.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS