Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

LUCERNA - I pazienti non devono essere obbligati a far parte di una rete di cure integrate. L'associazione Pulsus, che conta circa 5'000 membri - operatori che lavorano nell'ambito della sanità pubblica - ha deciso di lanciare un referendum contro il progetto di "Managed Care" adottato dal Consiglio nazionale. Lo ha comunicato oggi la stessa Pulsus.
Questa afferma di non essere contro le cure integrate, ma contro la decisione della camera del popolo di esercitare pressione sugli assicurati affinché entrino a far parte di una rete sanitaria e non possano più scegliere liberamente il loro medico. L'associazione, attiva soprattutto nella Svizzera tedesca, si oppone anche al fatto che i pazienti debbano concludere un contratto per almeno tre anni.
Le reti di cure integrate Managed Care, secondo quanto deciso dal Consiglio nazionale, dovrebbero diventare la norma dal 2012. Il Consiglio degli stati non si è ancora pronunciato al riguardo.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS