Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

C'è anche un pezzetto di Obvaldo sul veicolo d'esplorazione spaziale statunitense Curiosity, che lunedì è atterrato su Marte: alcuni componenti sono infatti stati sviluppati da Maxon Motor, società di Sachseln (OW) specializzata nei micro-motori.

L'azienda elvetica ha fornito sensori magnetici montati sugli assi di trazione del mezzo, responsabili della gestione dei propulsori, ha indicato la stessa società. I micro-motori Maxon sono peraltro già impiegati anche su Opportunity, il rover predecessore di Curiosity, come pure su vari altri veicoli spaziali, per esempio per orientare i pannelli solari o azionare le valvole di sicurezza.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS