Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Sono Cina, Filippine, Thailandia, Vietnam e Indonesia i principali responsabili dell'inquinamento da plastica degli oceani. I cinque Paesi del Far East insieme scaricano il 60% della plastica presente nei mari, che non si decompone e minaccia animali ed ecosistemi.

Gli altri grandi inquinatori sono Malesia, Nigeria, Egitto, Sri Lanka e Bangladesh. La poco lusinghiera top ten è stata stilata dalla rivista "Science", come riferisce il sito Rinnovabili.it.

Secondo "Science", ogni anno in tutto il mondo finiscono in mare 8,8 milioni di tonnellate di plastica. Di queste, 5,3 vengono dai Paesi dell'area Asia-Pacifico. La Cina da sola ne produce 3,5 milioni di tonnellate. In questi Paesi il riciclo della plastica è poco sviluppato, i rifiuti rimangono nell'ambiente e finiscono in mare.

Sacchetti e tappi uccidono circa 100'000 animali marini ogni anno, secondo la National Oceanic and Atmospheric Administration americana. La plastica imprigiona, soffoca e strangola cetacei, testuggini, pesci e uccelli.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS