Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il robot Hubo.

KEYSTONE/LAURENT GILLIERON

(sda-ats)

Può guidare un'automobile in autonomia, salire e scendere sulle sue gambe, senza essere telecomandato, da scale ma anche macerie e terreni scoscesi e malfermi, ma anche spostarsi su ruote; può rimuovere ostacoli, aprire porte o bocchettoni: è Hubo, un robot androide.

Interamente progettato e fabbricato artigianalmente dai laboratori del Kaist (Korean Advanced Institute for Science and Technology), istituto di ricerca tecnologica di eccellenza di Daejeon, la 'capitale' dell'hi-tech della Corea del Sud.

Un robot alto 1 metro e 70 per 80 chili, strutturato in alluminio, che lo scorso anno ha vinto il primo premio da 2 milioni di dollari al Darpa Robots Challenge, in California, un concorso promosso dalla Difesa Usa. Una serie di sfide e di obiettivi che permettevano di valutare dove la macchina è in grado di sostituire l'uomo in situazioni difficili: per esempio, sul luogo di disastri, cantieri pericolosi, situazioni estreme, dove le carte vincenti sono quelle dell'affidabilità e dell'adattabilità.

E dove gli altri robot cadevano a terra e diventavano quindi inutilizzabili, Hubo restava in piedi, manteneva l'equilibrio camminando sulle macerie. E dove doveva muoversi velocemente, su terreni piani o regolari, poteva mettersi in ginocchio e spostarsi su ruotine. E, seppure non ancora in grado di rialzarsi da solo, Hubo è tuttavia capace di ridurre i danni cadendo a terra: "Quando sente che sta perdendo il baricentro e non lo può recuperare - spiega all'agenzia italiana ANSA nella sede Kaist a Daejeon il 'papà' di Hubo, il professor Jun Ho-oh -, si rannicchia e 'rilassa' i meccanismi che sostituiscono i muscoli".

Ricevute le istruzioni fondamentali dall'operatore, che al concorso Darpa si trovava a 500 metri di distanza e aveva pochi secondi di operatività in un'ora di prova per comunicare con lui e che non può vederlo, l'androide sudcoreano, che pure può essere telecomandato come un drone, è capace di agire in autonomia.

E come tale può dirci molto su dove è arrivata la capacità delle macchine di sostituire l'uomo. Con i suoi sensori e i suoi scanner - dice il professor Jun - Hubo elabora un'immagine vettoriale e con l'occhio-telecamera invia un'immagine a bassa risoluzione, per permettere all'operatore, quando a questi è consentito di comunicare con lui - di capire le operazioni da compiere prioritariamente: una cosa che l'automa non è in grado di decidere. "È in grado di aprire una porta girando la maniglia o di chiudere un rubinetto. Ma mentre per noi queste sono operazioni semplici, automatiche", di impegno fisico nullo e inesistente dal punto di vista mentale, "Hubo deve confrontare ciò che vede con le sue banche dati, allineare perfettamente l'asse del suo braccio a quella della maniglia, bilanciare la forza, ecc, altrimenti romperebbe la maniglia".

E così anche l'incedere su terreni accidentati - per ogni passo Hubo deve scannerizzare, valutare, calcolare pendenza, stabilità del terreno ed equilibrio - è un'operazione che richiede tempi e un impegno che di umano hanno poco. Ma è un piccolo miracolo.

Finora sono stati venduti, al prezzo di 500 mila dollari l'uno, 25 esemplari, tutti all'estero e tutti per ricerca. "Ma per ora non ha un valore commerciale. C'è ancora una distanza gigantesca fra ciò che un robot può fare e quello che la gente vorrebbe che facesse", conclude Jun. Insomma, chi teme che gli automi possano sopraffare l'uomo può stare tranquillo, per ora.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS