Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il gruppo industriale urano Dätwyler prosegue nella propria strategia espansiva. In un comunicato odierno, la società ha reso noto il rilevamento della ditta tedesca Ott specializzata in prodotti a tenuta stagna. L'ammontare della transazione rimane confidenziale.

Ott dà lavoro a 200 persone e l'anno scorso ha chiuso i conti con ricavi pari a 33 milioni di franchi. L'azienda tedesca è specializzata nella produzione di stampi per iniezione in termoplastica e silicone, precisa ancora il comunicato.

Mediante questa operazione, che dovrebbe concludersi il mese prossimo, Dätwyler si attende di arricchire il proprio bagaglio di competenze in materia di tecnologica e di materiali. L'acquisizione di Ott dovrebbe permettere al gruppo elvetico di penetrare in nuovi mercati di nicchia.

Con questa nuova transazione Dätwyler prosegue nella propria strategia espansiva. In giugno, il conglomerato industriale aveva reso noto il proprio interesse per il grossista britannico di dispositivi elettronici Premier Farnell.

In questo caso, tuttavia, Dätwyler deve vedersela con un concorrente agguerrito, ossia la società americana Avnet, uno dei più grandi distributori al mondo di componenti elettronici e computer. Avnet ha rilanciato l'offerta di Dätwyler, offrendo 185 pence (24 centesimi di franco) per azione, il 12% in più dei 165 proposti dalla società urana.

In vista aumento di capitale

Nell'attesa che questa impasse di risolva, oggi gli azionisti di Dätwyler sono chiamati, nel corso di un'assemblea generale straordinaria, ad approvare o meno un aumento di capitale destinato proprio a finanziare quest'ultima acquisizione.

In totale, Dätwyler dovrebbe sborsare per rilevare Premier Farnell 1,1 miliardi di franchi. In questa somma sono compresi anche i debiti della società britannica.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS