Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

KHARTOUM - Nuovi scontri tra tribù arabe rivali hanno causato oggi 50 morti in Darfur, regione del Sudan occidentale in preda da decenni a sanguinose violenze. Lo ha reso noto oggi un capo tribale, Ezzedin Elissa al-Mandil, della tribù dei Misseriya.
Secondo questa fonte, "uomini della tribù dei Rezeigat a bordo di nove automezzi hanno attaccato tre nostri villaggi. (...) I combattimenti sono cominciati ieri a metà giornata e sono continuati fino a notte. (...) Abbiamo contato 50 morti tra i nostri. E anche 13 feriti".
Nessun appartenente alla tribù dei Rezeigat ha potuto essere contattato. Il governatore del Darfur occidentale ha confermato gli scontri ma non ha saputo dire se vi sono state vittime. Una quarantina di caschi blu della missione dell'Onu (Unamid) hanno cercato di raggiungere la zona dei combattimenti ma sono stati costretti a fermarsi "perché - ha riferito un portavoce - secondo gli abitanti gli scontri continuano".

SDA-ATS