L'ex segretaria di Stato Usa, Hillary Clinton, non firmerebbe mai un accordo di "anti-spionaggio", con nessun Paese al mondo. Gli Stati Uniti "devono rispondere delle proprie responsabilità anche molto oltre i propri confini", ha detto oggi a Berlino la probabile prossima candidata alla successione del presidente Barack Obama, e "sappiamo che i terroristi non arretrano".

"Non firmerei un accordo simile con nessun Paese, a prescindere da quanto possiamo essere uniti, o in amicizia", ha aggiunto la moglie dell'ex presidente Bill Clinton. Gli Usa, ha spiegato ancora, devono proteggere anche i partner della Nato ed evitare attentati.

Rispetto agli scandali legati al datagate, compresa l'ultima vicenda appena scoperta, secondo cui un dipendente dei servizi tedeschi si sarebbe prestato a lavorare per l'intelligence Usa, passando centinaia di documenti riservati, Clinton ha invitato ad aspettare la fine delle indagini e l'eventuale giudizio.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.