Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

I documenti diffusi dall'ex agente della National Security Agency (Nsa) americana Edward Snowden avrebbero rivelato che l'intelligence britannica gestiva una rete di "postazioni per lo spionaggio elettronico" da un luogo vicinissimo al Bundestag e dall'ufficio della cancelliera tedesca, secondo quanto riporta l'"Independent".

I documenti della Nsa, insieme a foto aeree e informazioni circa passate attività di spionaggio in Germania, suggerirebbero che la Gran Bretagna avrebbe una base vicinissima al Parlamento tedesco e agli uffici di Angela Merkel, e userebbe un equipaggiamento hi-tech installato sul tetto dell'ambasciata.

Secondo l'"Independent", l'attività di spionaggio in vari edifici diplomatici nel mondo, volti a intercettare dati relativi alle nazioni ospitanti, sarebbe condotta dalla Gran Bretagna insieme agli Stati Uniti e ad altre nazioni alleate.

Intanto Berlino ha ribadito il suo "no" alla offrire asilo a Snowden: "non c'è ragione di concedere asilo a Snowden, non è un perseguitato politico", ha detto oggi il ministro degli interni, Hans-Peter Friedrich, a un giornale.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS